Simbologia del Componidori, maschera della Sartiglia

Pare non avere volto, né identità il Componidori che avanza fiero, in sella al proprio cavallo, benedicendo il popolo della Sartiglia, il famoso Carnevale di Oristano, con sa pippia’e maju: il colorato mazzo di fiori che evoca l’inizio della primavera e tutto ciò che di buono – ci si augura- arriverà dalla nuova stagione di semina.

La maschera tipica del Carnevale di Oristano: il Componidori e il suo significato

maschera del componidori alla Sartiglia con mazzo di fiori
Componidori, momento della benedizione. Fonte: National Geographic

Pare non avere volto, né identità il Componidori che avanza fiero, in sella al proprio cavallo, benedicendo il popolo della Sartiglia, il famoso Carnevale di Oristano, con sa pippia’e maju: il colorato mazzo di fiori che evoca l’inizio della primavera e tutto ciò che di buono – ci si augura- arriverà dalla nuova stagione di semina.

maschera del componidori di oristano con mazzo di fiori
Primo piano della maschera del Componidori. Fonte: Foto Community

Indossa una maschera senza tempo né nome, bianca se appartiene al gremio di San Giuseppe, scura se appartiene al gremio di San Giovanni.

Quella maschera, ogni anno, cela sembianze umane, di uomo o di donna, e ne nasconde la profonda empiricità dietro i tratti di una figura androgina ed eterea.

TROVA LE MIGLIORI OFFERTE HOTEL & BED&BREAKFAST A ORISTANO!

Un semidio, un’entità sospesa fra cielo e terra

immagine della vestizione del componidori
Vestizione del Componidori. Fonte: Sasartiglia.com

Il fascino del Componidori è ineguagliabile. Osservandolo si ha davvero l’impressione di trovarsi di fronte a un semidio, innanzi a un’entità astratta, sospesa fra cielo e terra, capace però di racchiudere l’immenso potere di entrambi.

Il destino, il fato, la fortuna di infilzare con la spada una stella sospesa e l’abilità, tutta umana, di riuscire nell’impresa mentre si corre a cavallo.

maschere tipiche del carnevale di oristano
Maschere della Sartiglia. Fonte: Sardegna Digital Library

I rituali legati al Componidori, non a caso, parlano di trascendenza. Dal momento in cui si posa la maschera sul suo volto, durante il sacro momento della vestizione, diventa il cavaliere prescelto, il “capo corsa”, ma anche il “sacerdote della fecondità” che tutto benedice.

Di lì in poi, affinché possa preservare le sue qualità, tra cui la forza e la purezza, non dovrà toccare il suolo, pena la perdita dei poteri divini.

La maschera del Componidori: ipotesi sulle origini

maschera del componidori della Sartiglia di Oristano durante la vestizione
Vestizione del Componidori. Fonte: Sardegna Digital Library

La maschera del Componidori ricorda la tipologia di maschere utilizzate durante i riti collettivi comuni a diverse culture primitive.

Non a caso, caratteristica primaria delle medesime era la rigidità espressiva rispetto al volto umano, il che ha indotto gli studiosi a ritenere che originariamente rappresentassero il volto dei morti o entità sovrannaturali.



Booking.com

SCOPRI IL PROGRAMMA INTEGRALE DELLA SARTIGLIA 2019

Fonti: http://www2.infotelecom.es/~ecampins/Sartiglia/Il%20Vocabolario.htm

http://www.lasartiglia.it/it/articles/10/su-Componidori-e-la-sua-mascera.html

http://www.medioevoinsardegna.it/Sartiglia_Maschera_facciale.htm

3,462 Visite totali, 28 visite odierne

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)